Life Strategies

piacere

Il piacere come chiave per una buona riuscita

Il piacere come chiave per una buona riuscita

Devi avere le giuste conoscenze se vuoi avere successo.

A ognuno di noi, almeno una volta nella vita, è capitato di sentire questa frase. E ce la siamo sentiti dire come se fosse la cosa più naturale e normale del mondo.

Eppure… Non è questa la chiave di una buona riuscita, tantomeno per essere felici e soddisfatti.

La psicologa e antropologa Selene Calloni Williams, oggi portavoce degli sciamani dell’Himalaya, riporta finalmente l’attenzione sull’aspetto non materialistico della nostra esistenza:

“Cos’è che ci dicono? Per la buona riuscita dei progetti della tua vita cosa devi fare? Devi avere le conoscenze giuste. Questo modo di vedere le cose nega totalmente l’esistenza della dimensione spirituale, perché tale dimensione non è controllabile dal potere.”

Per la psicologa la chiave per una buona riuscita risiede nel percorrere il cammino dell’assenza di sforzo. Ma che cos’è questo sforzo? Lo sforzo di fare qualcosa o di essere qualcuno, ad esempio. Ne abbiamo parlato più approfonditamente nell’articolo che puoi leggere cliccando qui!

L’assenza di sforzo

Suona strano abbinare il successo all’assenza di sforzo, soprattutto mentre il resto del mondo lo lega alle giuste conoscenze, alle raccomandazioni e a una visione esclusivamente pragmatica e materialistica di fare le cose e di approcciarsi alla vita. Ma, si sa, nel mondo spirituale il cammino è sempre un percorso controcorrente rispetto al mondo del materialismo.  

“Tutto nel mondo spirituale è controcorrente.”
Selene Calloni Williams

Per la psicologa non ci sono dubbi: se vogliamo riuscire molto bene in qualcosa dobbiamo provare piacere in quello che facciamo. 

“Il segreto della buona riuscita di qualcosa è provare piacere, essere connessi al senso del piacere e fare ciò che ci appassiona.”
Selene Calloni Williams

Il cammino che conduce al successo non è lo sforzo, né tantomeno lo sforzarsi di piacere a qualcuno o di riuscire ad arrivare alle persone importanti: il segreto di una buona riuscita risiede nell’essere a nostro agio, nello stare bene e nel provare piacere.

“Buttati per passione, non per calcolo”.
Selene Calloni Williams

In forte contrapposizione a come ci vorrebbe la società, sempre di corsa e in gara per essere migliori, l’invito della psicologa è quello di fermarci. Invece di arrancare, proviamo ad assaporare ciò che ci circonda, tornando in contatto con la natura. Hai presente un bambino che gioca in giardino? Per lui in quel momento non esiste altro che l’esplorazione, il puro piacere innocuo di scoperta di qualcosa di nuovo: le foglie, i fiori, la terra, le gocce di rugiada. 

Da adulti perdiamo tutto questo. Dobbiamo ritornare a vivere in relazione con l’invisibile, con il mondo spirituale di cui facciamo parte.

I tre veicoli: come provare piacere 

Per provare tanto piacere in quello che facciamo, dobbiamo amarci, darci piacere, amare il nostro corpo.

Ma soprattutto, ricorda Selene, per la buona riuscita delle tue cose dobbiamo amare i tre veicoli:

  • Il veicolo corporeo
  • Il veicolo emotivo
  • Il veicolo mentale (e qui per mente non intendiamo la mente ordinaria, dualistica, ma quella poetica, che puoi scoprire cliccando qui).

Noi non siamo il nostro corpo, non siamo nemmeno la nostra mente, né il nostro essere emotivo. Dobbiamo amare questi tre veicoli, dobbiamo nutrirli, dar loro piacere, coccolarli, in modo che siano in uno stato di benessere e siano rilassati. 

Dobbiamo riempirli di passione e di entusiasmo.

Oltre la paura: la via di mezzo: il tempo dell’azione 

Per dar loro tutto questo amore, dobbiamo fare qualcosa che ci appassiona. Come? Vincendo la paura.

La paura rischia di farci rimanere in un guscio, nella confusione, nella zona di comfort. Ecco perché il prezioso lavoro della psicologa Selene Calloni Williams si arricchisce di rituali e di iniziazioni: per aiutare le persone a sciogliere la paura, a essere sempre più innamorate, sempre più coraggiose, sempre più appassionate per la buona riuscita.

Scopri il suo prossimo percorso esperienziale “Guerrieri Immaginali, la via del vortice Wabi Sabi” cliccando qui. Il secondo modulo, La via di mezzo: il tempo dell’azione, che si terrà in diretta sabato 21 maggio ma che poi resterà disponibile per 7 giorni, verterà proprio sull’argomento di cui abbiamo accennato in questo articolo.

La via di mezzo: il tempo dell’azione è un corso online adatto e utile a chiunque, in particolare a tutti coloro che si sentono “bloccati” nella loro relazione con il lavoro e con il denaro e vogliono riprendere a fluire nell’esperienza ottimale, coloro che si sentono prigionieri del tempo perché hanno la sensazione di non avere mai tempo per fare ciò che vorrebbero.

L’OMI per provare piacere e per una buona riuscita

L’OMI è una meditazione di un minuto. Per questo particolare obiettivo, ripetiamo questa formula:

Io non sono il mio corpo, io non sono il mio essere motivo,
io non sono il mio essere mentale. Io sono il Sé.

Il Sé, per dirla con le parole di Selene, “è il testimone che osserva, è la coscienza pura e limpida che non si identifica.”

Che cosa accade pronunciando questa formula? che subito prendiamo coscienza di una profonda verità: i tre grandi veicoli sono mortali e quindi… dobbiamo amarli.

Se comprendiamo la loro evanescenza e impermanenza, ci verrà totalmente spontaneo e naturale amare questi tre veicoli in modo incondizionato. Amore, cioè, il nostro corpo, la nostra mente, il nostro essere emotivo. E il piacere, chiave della buona riuscita, non può non arrivare, perché “l’amore incondizionato per i tre veicoli ci porta ad occuparci di loro, ad accudirli, a dare loro piacere e a fare ciò che li nutre, li sostiene e li fa stare bene.”

“Improvvisamente quella cosa così importante che devi fare ti riesce al massimo, ti riesce al meglio. Trovarti nel pieno piacere, nella piena passione, ti permette di promanare energia e luce e di risplendere, perché il tuo veicolo corporeo, emotivo e mentale risplendono.”
Selene Calloni Williams

Il piacere come chiave per una buona riuscita

Questi i passi da compiere:

  1. Bisbiglia la formula: Io non sono il mio corpo, io non sono il mio essere motivo, io non sono il mio essere mentale. Io sono il Sé.
  2. Subito dopo averla pronunciata e bisbigliata, ti renderai conto che i tre veicoli non sono immortali, ma effimeri e transitori. Questa consapevolezza ci farà provare amore incondizionato.
  3. L’amore ci fa pronunciare una grande promessa finale, quella di dare loro piacere, sostegno, nutrimento.
  4. Da qui, potremo applicare questa lezione nella vita di tutti i giorni, facendo le cose che ci danno piacere e perché ci danno piacere.
  5. Dobbiamo ripetere questo OMI per qualche giorno.

Facci sapere come ti senti dopo che hai pronunciato questo OMI. Noi, nel frattempo, ti aspettiamo al corso online esperienziale tenuto da Selene Calloni Williams: “Guerrieri Immaginali, la via del vortice Wabi Sabi – La via di mezzo: il tempo dell’azione”. Puoi scoprire l’evento cliccando qui!

wabi sabi

Spero che questo articolo ti sia piaciuto.
Se vuoi condividerlo con i tuoi amici puoi farlo cliccando qui sotto!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

NON FERMARTI QUI

CONTINUA A LEGGERE

La mamma è sempre la mamma

La mamma è sempre la mamma?

Non siamo al mondo per metterci al servizio della vita di nessun altro
“La mamma è sempre la mamma”: molto spesso sentiamo dire questa frase, soprattutto per sottolineare l’importanza e l’unicità che la figura materna ha nelle nostre vite.

LEGGI L'ARTICOLO

Perché siamo meno felici?

Diversi studi e sondaggi hanno portato alla luce una verità molto interessante: in Occidente siamo, in media, meno felici rispetto a vent’anni fa.
Inoltre, le patologie legate all’ansia e alla depressione sembrano essere più diffuse nelle Nazioni ricche rispetto a quelle più povere.

LEGGI L'ARTICOLO
Life Strategies

Dal 2016 ci occupiamo del benessere delle persone, organizzando eventi per la crescita personale. Tale attività, che è anche un valore della nostra vita, non può essere svolta se mette a rischio la salute di chi amiamo.
Abbiamo deciso pertanto di spostare le date dei nostri seminari nell’ultima parte dell’anno, quando saremo sicuri che condividere l’esperienza della formazione sia in armonia con il nostro e vostro star bene.