Il Segreto di San Valentino e la Terra dell’Amore

Il 14 febbraio è il giorno di San Valentino. Gli innamorati di tutto il mondo lo festeggiano con grande devozione, facendone occasione di pellegrinaggio nei luoghi del santo, che la tradizione vuole sepolto a Terni, presso uno dei monumenti religiosi più importanti della città.

Ciò che molti non sanno, tuttavia, è che il santo Valentino di Terni non è quello venerato dagli innamorati, ma un altro dal medesimo nome. Le reliquie del santo che gli innamorati invocano come protettore si trova in verità a Sassocorvaro, in provincia di Pesaro-Urbino, conservate in una piccola chiesa, l’Oratorio della Santissima Trinità (oggi anche chiesa di San Valentino), presso la quale giungono, ormai da diversi anni, devoti da tutto il mondo.

La Chiesa di San Valentino

Eretta nel 1722, per volere dell’abate Gaspare Fabbrini, la chiesetta di Sassocorvaro, così raccolta e modesta, è uno scrigno di amore e bellezza. Collocata lungo una stretta e caratteristica scalinata che conduce alla parte più bassa del borgo, conserva al suo interno la più importante delle reliquie, la testa del santo.

La scoperta è stata resa nota oltre un ventennio fa, in seguito a studi che ne hanno accertato la provenienza, mettendo fine, in un certo senso, all’annosa contesa con Terni, su chi potesse o meno fregiarsi del titolo di capitale degli innamorati.

 

Le reliquie di San Valentino della Santissima Trinità di Sassocorvaro

Il San Valentino che riposa nell’entroterra delle Marche proviene dal cimitero romano di Calepodio e ogni suo spostamento è stato nel tempo certificato con sigilli e atti ufficiali. Insomma nulla da obiettare circa il fatto che sia il santo degli innamorati. Alcuni studiosi, a difesa della tesi ternana, hanno tuttavia sollevato dei dubbi sull’identità di questo santo, sostenendo che, in realtà, i Valentino fossero due: uno prete e l’altro vescovo, uno di Roma e uno di Terni, una tesi che, pur tentando di mettere d’accordo tutti, non è in grado tuttavia di spiegare diverse strane coincidenze.

Prima fra tutte il nome, Valentino, è il medesimo. Poi il giorno in cui vengono ricordati, per entrambi il 14 febbraio. Inoltre il fatto che tutti e due abbiano avuto stesso imperatore, stesso luogo e stessa data di martirio, finendo per subire perfino le stesse torture. E poi la sepoltura, avvenuta per entrambi lungo la via Flaminia.

Nel suo “La Reliquia di San Valentino nell’Oratorio della Santissima Trinità di Sassocorvaro”, Monsignor Corrado Leonardi sostiene che di San Valentino ce ne fu uno solamente ed è quello di Roma. Ciò che probabilmente accadde è che il culto si diffuse attraverso la via Flaminia fino a Terni, dove l’amore dei fedeli si spinse a tal punto da farne un santo ex-novo. Il San Valentino di Terni è dunque, secondo lui, un mero prodotto della tradizione popolare.

Vi racconto questa storia perché circa quindici anni fa mi ritrovai a Sassocorvaro e fui conquistata dalla tenacia con cui i suoi abitanti difendevano la verità sul santo e le loro radici. Uno di questi mi accompagnò nella piccola e deliziosa chiesa in cui la reliquia del Santo riposa e vi trovai una pace capace di far battere il cuore.

Incontrai anche un notissimo attore del cinema italiano con la sua compagna (non dirò il nome per rispetto di quel momento a loro sacro), intenti a pregare il santo. Un atto d’amore che andava ben oltre il 14 febbraio.

C’è in questo piccolo borgo il sapore di un amore che trascende i sensi e va oltre lo spirito.

Sassocorvaro

C’è, nella volontà di andarci, il bisogno di celebrarlo sempre, nella gioia e nel dolore, perché l’amore, quando è vero e profondo, non muore mai. Si trasforma certo, ma non perde il suo vigore e la sua intenzionalità.

È incredibile con quanta risolutezza vogliamo l’amore, eppure esso è un atto che non prevede ricompense e neppure alcun tipo di possesso della persona che diciamo d’amare. L’amore è un dare costante e silente, che appaga il cuore di chi lo prova per il solo fatto di viverci dentro. È un’azione oltre che un sentimento, perché fatto di gesti quotidiani e prove semplici, date in modo spontaneo e gratuito.

A pochi chilometri da Sassocorvaro c’è Gradara, con il suo meraviglioso castello, luogo della tormentata passione tra Paolo e Francesca descritta da Dante nel quinto canto dell’Inferno.

Gradara

Chi va a Sassocorvaro trova il modo di fare tappa anche lì. La provincia di Pesaro-Urbino e le Marche sono da sempre mèta privilegiata di tanti innamorati provenienti da tutto il mondo, che vi ritrovano, al di là delle tante bellezze artistiche, l’occasione di riflettere su sé stessi e sulla natura dei propri sentimenti.

A Gradara il castello custodisce da secoli, entro le sue possenti mura, la storia dei due amanti più celebri della letteratura italiana. La storia di Paolo e Francesca colpisce sempre il cuore degli innamorati, che ne comprendono il tormento e l’ardore, forse poco il contesto.

Paolo e Francesca, sorpresi da Gianciotto – Dipinto di Jean Auguste Dominique Ingres, 1819.

Non è il giudizio morale che deve spingerci a commentare ciò che accadde ai due giovani, ma la gratitudine di scoprirne la prodigiosa aderenza ai valori che stiamo ricercando, per farne perno di una riflessione più ampia su cosa sia l’amore e su cosa lo distingua dalla mera passione.

La storia di Paolo e Francesca è acqua fresca in quel deserto di obblighi quotidiani cui troppe volte si riduce lo spazio dell’amore di coppia, obblighi che, tra le altre cose, spesso minacciano di inaridire anche l’amore più bello. Ma non è la passione che salva dall’inasprimento del cuore, bensì il dare ancora più amore e l’impegno reciproco a donarselo anche quando tutto sembrerebbe remare contro.

L’amore è quel sentimento che unisce tante emozioni insieme e non è solo romanticherie e cene a luci di candele. L’amore è fatto di gioia, dolore, rabbia, felicità, conquista, impegno, stima… rispetto…

A volte fa paura, mette ansia, fa sentire in balìa di forze maggiori, ma è il centro propulsore della vita e accade che si manifesti sotto diverse forme. È vero solo se è onesto, sincero e non pretende nulla in cambio, se non la felicità di chi lo riceve, talvolta inconsapevolmente, nel corso di tutta la vita.

L’amore dà senso all’esistenza se siamo in grado di provarlo, nel nostro cuore, esattamente così.

Per questo occorre augurarsi che San Valentino conduca gli innamorati per mano e li convinca a guardarsi dentro, come spinta ad una rinascita personale, prima ancora che di coppia.

I dubbi si dissiperanno solo quando capiremo che l’amore non è sempre tormento, ma gioia e che la gioia non è la felicità di un momento, ma lo star bene, insieme, ogni giorno della vita.

Che sia a Terni o a Sassocorvaro, forse dovremmo tutti guardare al Santo Valentino come una guida nei misteri dell’amore e rinnovarne il culto ogni volta che, perdendone le ragioni profonde, dovessimo ritenerlo in balìa delle onde della nostra vita, preda delle brutture del mondo.

Se così fosse il 14 febbraio sarebbe solo un giorno per ricordare chi siamo, perché abbiamo amato e guardarsi dentro. Nel profondo di noi stessi ci sono tutte le risposte che cerchiamo e… mettendoci in cammino… chissà che non arrivino tutte le altre.

Buon San Valentino a tutti!

Se sei interessato ai temi della crescita personale, lascia qui la tua mail!

Se questo articolo ti è piaciuto,
puoi condividerlo cliccando qui sotto!

Iscriviti per ricevere le notizie da Life Strategies ed un codice sconto del 5%

Iscriviti per ricevere le notizie da Life Strategies

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sui temi di crescita personale trattati da Life Strategies.

Life Strategies è un marchio registrato da ROI GROUP SRL, Galleria del Commercio 6 – Macerata | Capitale sociale 100.000 € i.v. | P.IVA e C.F. 01999300443 | REA MC-180904

IGOR SIBALDI
Ombre: Il lato Oscuro

SABATO 21 SETTEMBRE 2024

UNAHOTELS Expo Fiera
Via Keplero 12, Pero (MI)

Live

PRIMISSIMA FILA

204,00€

SECONDA FILA   

174,00€

SOLD OUT

INGRESSO STANDARD

124,00€

Posti limitati

online

Diretta streaming 

104,00€

Posti limitati

Metodi di pagamento: puoi iscriverti utilizzando la carta di credito, la carta di debito, PaypalScalapay

Ti possiamo aiutare?

Seleziona quale argomento vuoi approfondire sui corsi di Life Strategies.

Life Strategies

Dal 2016 ci occupiamo del benessere delle persone, organizzando eventi per la crescita personale. Tale attività, che è anche un valore della nostra vita, non può essere svolta se mette a rischio la salute di chi amiamo.
Abbiamo deciso pertanto di spostare le date dei nostri seminari nell’ultima parte dell’anno, quando saremo sicuri che condividere l’esperienza della formazione sia in armonia con il nostro e vostro star bene.