Gratitudine: una qualità dell’anima che stiamo dimenticando

Gratitudine: perché

La bellezza della gratitudine è che può trovarsi anche nelle cose più piccole. Possiamo essere grati veramente per tutto: quando ci svegliamo al mattino, ad esempio, possiamo essere grati per un nuovo giorno, oppure per il sostegno incondizionato che abbiamo ricevuto da una persona a noi cara o da uno sconosciuto. La vita ci offre tantissime occasioni e pretesti per rendere grazie. Anche la natura, che ognuno di noi dovrebbe proteggere, rappresenta una fonte inesauribile di “grazie”: l’alba, la vicinanza con gli animali, il sole che sorge, un fiore che sboccia, un arcobaleno che sovrasta il cielo.

E ancora, potremmo essere grati per un ringraziamento sincero che abbiamo ricevuto, pronunciato con il cuore in mano o in un momento di difficoltà, per un gesto gentile di cui siamo testimoni, per un incontro inaspettato, per l’amore in ogni sua forma.

Gratitudine: saperla riconoscere

Lo scrittore e giornalista Romano Battaglia scriveva:

“Quando la felicità ci viene incontro non è mai vestita come pensavamo. Spesso ci passa accanto silenziosa e non sappiamo riconoscerla.”

È proprio ciò che accade con i doni e i tesori di felicità che abbiamo intorno a noi e di cui dovremmo essere grati: troppo spesso non riusciamo a riconoscerli e neppure a vederli. Altre volte li notiamo e apprezziamo solo quando è troppo tardi o solo quando li abbiamo perduti. La gratitudine è uno dei sentimenti più belli che un individuo possa sperimentare e, per dirla con le parole di Lucia Giovannini, punto di riferimento per la crescita personale e autrice de Le vie dell’Anima, editato da Roi Edizioni, “la cosa straordinaria è che non serve assolutamente nulla per provarla, se non un cuore in buono stato.”

Gratitudine e vulnerabilità

Nel caos della vita moderna e nel tran tran della quotidianità, abbiamo perso l’abitudine di fermarci. Fermarci a godere di un panorama, di un pasto preparato con amore, di un sorriso. Non abbiamo tempo, o scegliamo di non ritagliarcelo, per riflettere e concentrarci sulla nostra interiorità. Eppure, questo tempo per fermarci dovremmo trovarlo, perché “la vita merita di essere vissuta proprio per quegli attimi che ci fanno sentire amati, fortunati, curiosi, vivi dentro a un mondo che ci piace, che ci arricchisce, che ci sfida e che accoglie ugualmente i nostri successi e i nostri fallimenti.”

È proprio questo il punto: sentire ed essere profondamente consapevoli che ognuno di noi è parte di qualcosa e che il mondo non sarebbe lo stesso senza di noi. C’è un passaggio preliminare da compiere, l’unico veramente in grado di aprire le porte alle fonti inesauribili di gratitudine: rendersi vulnerabili. Aprire il proprio cuore significa essere pronti ad accogliere tutto: dolore, ferite, gioia, gratitudine e amore incondizionato.

“La gratitudine richiede maturità e umiltà:
la maturità per comprendere e l’umiltà per rendere grazie.”

Lucia Giovannini

Allenare la gratitudine: due esercizi

Per Lucia la gratitudine non è tanto un’emozione, quanto un muscolo e come tale può essere allenata e sviluppata. Nel suo libro Le Qualità dell’anima, propone proprio un esercizio per allenarla. Ogni sera, prima di andare a dormire, ripercorri con il pensiero la giornata appena trascorsa. Rifletti sui momenti, sugli attimi vissuti, anche quelli più brevi. Ripercorri le emozioni che hai provato, le sensazioni che ti hanno invaso l’anima.

Un altro esercizio, che propone nel suo libro Crea la vita che vuoi, puoi farlo in solitudine e in compagnia. Consiste nel cercare qualcosa di cui essere grati e scriverlo su un foglio di carta. Se fai l’esercizio in gruppo, condividi quello che è emerso. Trova pertanto qualcosa per cui sei grata/o:

  1. Che si trova nella natura
  2. Che ha un suono bellissimo
  3. Che ha un profumo gradevole
  4. Che ha un buon sapore
  5. Che è stato difficile per te
  6. Che è stato un successo per te
  7. Che è stata una sorpresa per te
  8. Che vorresti condividere con gli altri
  9. Che è più vecchio di te
  10. Che hai recentemente appreso
  11. Che ha un colore vivace
  12. Che ha delle scritte
  13. Che ti fa sentire forte
  14. Che ti fa ridere
  15. Che ti fa piangere
  16. Che rappresenta il tuo Paese o la tua cultura
  17. Che è qualcuno che ami.

Infine, chiediti: cosa significa gratitudine per te? Come cambierebbe la tua vita se provassi più gratitudine in questo momento? Come cambierebbero le tue relazioni? Come cambierebbero le tue relazioni di coppia, in famiglia, in amicizia e sul lavoro?

La gratitudine è una calamita, capace di attirare a sé altri pretesti per sorridere, per rendere grazie, per essere felici, indipendentemente da tutto.

“Nessun grazie è mai di troppo”.
Lucia Giovannini

Se sei interessato ai temi della crescita personale, lascia qui la tua mail!

Se questo articolo ti è piaciuto,
puoi condividerlo cliccando qui sotto!

Iscriviti per ricevere le notizie da Life Strategies ed un codice sconto del 5%

Iscriviti per ricevere le notizie da Life Strategies

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sui temi di crescita personale trattati da Life Strategies.

Life Strategies è un marchio registrato da ROI GROUP SRL, Galleria del Commercio 6 – Macerata | Capitale sociale 100.000 € i.v. | P.IVA e C.F. 01999300443 | REA MC-180904

IGOR SIBALDI
Ombre: Il lato Oscuro

SABATO 21 SETTEMBRE 2024

UNAHOTELS Expo Fiera
Via Keplero 12, Pero (MI)

Live

PRIMISSIMA FILA

204,00€

SECONDA FILA   

174,00€

SOLD OUT

INGRESSO STANDARD

124,00€

Posti limitati

online

Diretta streaming 

104,00€

Posti limitati

Metodi di pagamento: puoi iscriverti utilizzando la carta di credito, la carta di debito, PaypalScalapay

Ti possiamo aiutare?

Seleziona quale argomento vuoi approfondire sui corsi di Life Strategies.

Life Strategies

Dal 2016 ci occupiamo del benessere delle persone, organizzando eventi per la crescita personale. Tale attività, che è anche un valore della nostra vita, non può essere svolta se mette a rischio la salute di chi amiamo.
Abbiamo deciso pertanto di spostare le date dei nostri seminari nell’ultima parte dell’anno, quando saremo sicuri che condividere l’esperienza della formazione sia in armonia con il nostro e vostro star bene.