Life Strategies

Stress da lavoro: la storia di Marco.

Stress da lavoro: uno dei malesseri odierni più diffusi.

Mai sentito parlare di incubo da lunedì?

Uno studio dell’Eurispes riporta un dato allarmante: il 41% degli italiani è colpito dallo stress da lavoro. I casi sono tanti e si somigliano molto. Prendiamo il caso di Marco.

Marco è un venditore presso un’azienda IT, che fino ad alcuni anni fa aveva un parco clienti molto produttivo e con un buon ciclo di rinnovamento. L’azienda presso cui lavorava è stata protagonista di una vicenda negativa, legata alla vendita di alcune licenze, niente di illegale, ma la notizia aveva creato uno stato di repulsione da parte dei clienti. Quando Marco chiamava i clienti, riceveva risposte negative: “Non vogliamo che ciò che è accaduto impatti negativamente sulla nostra azienda”.

In seguito al crollo delle vendite, iniziò l’incubo. Il CEO cominciò a fargli pesanti pressioni, imponendogli scadenze con risultati impossibili. Nel frattempo, aveva perso la propria abilità nel conquistare i clienti, perché nella maggior parte delle chiamate doveva giustificare l’accaduto, tentando di convincerli che non era successo niente di grave. L’insicurezza che si percepiva nelle parole di Marco era tale da spaventarli ancora di più. Si domandavano: “Perché il venditore sta iniziando la telefonata chiedendo scusa e rassicurandoci che non è successo niente?”

Marco aveva cambiato totalmente approccio alla vendita. L’insicurezza lo aveva cambiato. Il rientro in azienda il lunedì mattina era terribile, ma il vero incubo lo stava vivendo soprattutto fuori dall’azienda. Il peso che doveva sopportare andò, a sua insaputa, ad incidere sulla sua vita privata: il rapporto con la moglie non era più lo stesso, il tempo che trascorreva con i figli non era piacevole, ma era diventato un obbligo morale. Il poco tempo che trascorreva a casa se ne stava al telefono. Anche le relazioni con gli amici erano passate in secondo piano, perché si sentiva frustrato di fronte alla loro realizzazione professionale.

Lo stress lo stava logorando giorno dopo giorno.

Stress e insicurezza

La causa di questo malessere era legata al fallimentare andamento dell’azienda? No. Il vero fattore invalidante era l’insicurezza sopraggiunta.

L’essere insicuri è ciò che ci blocca di più, impedendoci di fare quello che desideriamo e di dire ciò che sentiamo. L’insicurezza aumenta poi con il passare del tempo: non accorgersene e non combatterla tempestivamente conduce solo ad ulteriori problemi.

Quella di Marco è una storia come molte altre. La storia di chi non riesce a godere il presente perché tormentato da un problema del passato, di chi non vive il qui ed ora e procede con gli occhi bendati sui possibili scenari futuri. Come vedremo nel prossimo articolo, per le persone che sono intrappolate nel passato e sono spaventate dal futuro, il presente rappresenta una fascia ristretta.

Il presente rappresenta l’unico ambito dove è possibile incidere realmente ed è una delle 3 dimensioni su cui è possibile agire per cambiare la nostra vita. Clicca qui per leggere il prossimo articolo in cui scopriremo le 3 realtà che possono cambiare il nostro destino.

Se sei interessato ai temi della crescita personale, lascia qui la tua mail!

NON FERMARTI QUI

CONTINUA A LEGGERE

Life Strategies

Dal 2016 ci occupiamo del benessere delle persone, organizzando eventi per la crescita personale. Tale attività, che è anche un valore della nostra vita, non può essere svolta se mette a rischio la salute di chi amiamo.
Abbiamo deciso pertanto di spostare le date dei nostri seminari nell’ultima parte dell’anno, quando saremo sicuri che condividere l’esperienza della formazione sia in armonia con il nostro e vostro star bene.