25 aprile, Festa della liberazione. Il valore della libertà in un mondo ultraconnesso

Oggi, 25 aprile, ricorre un anniversario importante per il popolo italiano: è la festa della Liberazione, che celebra la vittoria dei partigiani sulla dittatura nazifascista e la liberazione dell’Italia. Una data da commemorare con orgoglio, che riporta alla mente il 25 aprile 1945, giorno in cui il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclamò l’insurrezione in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti, imponendo la resa giorni prima dell’arrivo delle truppe alleate.

Una ricorrenza felice dunque, nonostante sia collegata a un periodo cupo della nostra storia, e che proprio in virtù di questo ci ricorda l’importanza di valori come la fratellanza, la pace, la solidarietà, il senso di identità civile e culturale e, soprattutto, la libertà.

Nonostante in Italia la libertà non sia più a rischio come un tempo, nella nostra vita quotidiana continuano a verificarsi circostanze che dovrebbero mantenere alta l’attenzione sul tema della libertà individuale, circostanze di cui non sempre siamo consapevoli.

 

Web e libertà: qualcosa è cambiato

È innegabile che il web abbia reso la ricerca di informazioni e molte azioni (ad esempio lavorare a distanza, fare acquisti o organizzare una vacanza) più semplici, veloci e alla portata di chiunque, permettendoci di essere più autonomi e di allargare le possibilità di scelta. I vantaggi che lo sviluppo delle telecomunicazioni ha portato nelle nostre vite sono innumerevoli e tutti li hanno lodati, almeno in un primo momento.

Poi, col tempo, abbiamo preso maggior confidenza con questi nuovi strumenti: abbiamo imparato a conoscerne non solo i lati positivi ma anche quelli critici, diventando più abili nell’utilizzarli e ponendoci domande che, inizialmente, non avevamo considerato.

Ad esempio, vi siete mai chiesti che fine fanno tutti i messaggi inviati su Facebook e Whatsapp? Arrivano al destinatario, certo, ma non solo. Lo stesso vale per le mail che ci scambiamo con Gmail, per le ricerche che facciamo su YouTube, per le destinazioni che impostiamo su Google Maps, per i trasferimenti di denaro che effettuiamo tramite internet banking e PayPal, e via dicendo.
Il web, negli anni, si è trasformato in un enorme serbatoio che raccoglie dati di ogni genere, molti dei quali riservati, almeno finché qualcuno non riesce ad impadronirsene, come accaduto in passato a Yahoo, ad esempio.

web privacy dati personali

La condivisione continua su cui il web è fondato ci invita a riflettere sulle informazioni personali di cui lasciamo traccia ogni giorno, anche svolgendo operazioni banali come una videochiamata su Skype: si potrebbe parlare di invasione della libertà individuale?

 

Realtà o fantascienza?

Forse è la stessa domanda che si sono posti gli artisti che hanno partecipato alla mostra The Glass Room, svoltasi lo scorso dicembre a New York: ambientata in una sala con pareti bianche e arredo minimalista, popolata da schermi, espositori e tablet, l’esposizione catapultava i visitatori in una dimensione ultratecnologica, di cui venivano messi in luce limiti e contraddizioni. Per dare un’idea dello spirito di denuncia delle opere basta citarne alcune, tra cui:

  • una dimostrazione interattiva di Churchix, un software di riconoscimento facciale che permette di memorizzare l’identità delle persone che entrano in un edificio;
  • un libro contenente 5 milioni di password rubate a LinkedIn nel 2012;
  • uno schermo su cui venivano proiettate le informazioni raccolte da tutti i dispositivi vicino alla galleria con Wi-Fi attivo.

Fantascienza? Niente affatto: pura realtà. I progressi delle telecomunicazioni hanno reso il tracciamento di ciascuno di noi, delle nostre abitudini e delle nostre relazioni personali qualcosa di incredibilmente semplice e accessibile, di fronte a cui non possiamo che interrogarci riguardo al valore della libertà nel mondo attuale.

 

Libertà e corpo digitale

A tale proposito è interessante l’espressione “corpo digitale”, coniata dal giornalista e scrittore Luca Poma, nell’intenzione di definire “la ricostruzione di tutte le informazioni che produciamo nelle nostre interazioni digitali di qualsiasi tipo, costantemente aggiornate e archiviate in una miriade di piattaforme diverse, che fanno propri tutti i dati che ci appartengono, ma soprattutto ‘disegnano’ i confini di chi noi siamo”.

Questa idea va ben oltre il concetto di identità digitale, perché conferisce fisicità e concretezza a qualcosa che, finora, era stato considerato astratto, come la reputazione on-line o l’immagine social di un personaggio qualsiasi, inclusi noi stessi. Il corpo digitale è qualcosa di reale che può influenzare il nostro umore, renderci dipendenti e suscitare attrazione, persino: non per niente Instagram deve il proprio successo anche ai filtri da applicare alle fotografie, che migliorano l’aspetto del soggetto.

 

Non che l’uso della tecnologia sia da evitare: è vero che questi strumenti hanno dei risvolti che possono limitare la nostra libertà individuale in varia misura, ma è altrettanto vero che semplificano la nostra quotidianità sotto moltissimi aspetti, perciò una reazione simile sarebbe controproducente, oltre che eccessiva.

L’importante è imparare a mantenere il controllo dei propri stati d’animo, così da non lasciarsi condizionare in modo determinante dalle circostanze esterne, reali o virtuali che siano: questo è il solo modo efficace per proteggere la propria libertà di pensiero e di azione da qualsiasi influenza.

libertà personale

 

Come sviluppare la libertà mentale

La PNL, disciplina che studia la connessione tra processi neurologici, linguaggio e comportamento, ha ampiamente dimostrato che la realtà oggettiva e quella da noi percepita non sono identiche: nel momento stesso in cui percepiamo un suono, un odore, un colore o viviamo un’esperienza, la filtriamo attraverso i nostri sensi, pensieri e ricordi, trasformando tutto questo in modo soggettivo. Ciò significa che anche le esperienze a primo impatto negative, se affrontate con lo stato d’animo adatto, possono essere trasformate in qualcosa di positivo e costruttivo per il nostro benessere individuale, liberandoci così da pensieri dannosi e dalle influenze nocive.

Ecco un esercizio che può aiutare la nostra mente ad essere più libera e autonoma, allontanandoci dagli elementi che ostacolano lo sviluppo delle nostre potenzialità:

  1. ricordiamo le immagini che di solito visualizziamo quando abbiamo un problema che ci preoccupa:
    – quanto sono grandi?
    – sono in bianco e nero o a colori?
    – sono chiare o scure?
    – sono immagini ferme o dei filmati?
    – siamo anche noi parte dell’immagine o la guardiamo da lontano?
    – che suoni sentiamo?
    – che cosa ci diciamo dentro di noi, e con che tono di voce?
    – quali sensazioni proviamo, e in quale punto del corpo?
  2. proviamo a modificare gli elementi tipici delle immagini che stiamo ricordando, in modo da assumerne il controllo. Ad esempio:
    – rimpiccioliamo le immagini, rendiamole più scure, priviamole dei colori e allontaniamole;
    – cambiamo il tono della nostra voce interiore, rendendolo più caldo;
    – cerchiamo di spostare le sensazioni dalla parte del corpo in cui la sentivamo prima ad un’altra;
  3. sforziamoci di sostituire queste immagini con altre di qualità completamente diversa:
    – visualizziamo figure vivide, luminose, colorate, grandi, vicine a noi e il più reali possibile;
    – rivolgiamoci a noi stessi con frasi incoraggianti e motivanti, usando un tono di voce sicuro e squillante;
    – percepiamo nel nostro corpo sensazioni piacevoli, allegre, rassicuranti, che ci trasmettano goia e benessere.

Ripetiamo questo esercizio più volte, ripensando a diverse immagini e circostanze in cui ci siamo sentiti in difficoltà. Col tempo impareremo a trasformare i nostri stati d’animo in modo sempre più rapido, diventando capaci di associare emozioni positive anche a situazioni dalle quali, in passato, ci siamo lasciati scoraggiare.
Questo ci aiuterà a non essere più in balia dei casi fortuiti della vita, ma a riacquisire fiducia in noi stessi e nelle nostri doti interiori, permettendoci di dispiegare liberamente il nostro potenziale nascosto in tutta la sua forza!

 

Come fare per proseguire in questo percorso di sviluppo personale?

Le conoscenze e le tecniche sviluppate dalla PNL sono molte e vanno dalle più semplici alle più complesse: se vuoi saperne di più e incontrare personalmente Robert Dilts, autore, coach ed esperto mondiale di PNL, clicca qui.

Scoprirai tutti i dettagli su Il Coraggio di Cambiare, il corso a cui Robert Dilts prenderà parte insieme a Giorgio Nardone e Jeffrey Zeig. Partecipando potrai acquisire gli strumenti più utili per conoscere fino in fondo te stesso, i tuoi desideri e iniziare il cammino verso la piena realizzazione della vita che hai sempre voluto!

Clicca qui per cogliere questa opportunità unica in Italia: la data dell’evento si avvicina!

Il Coraggio di Cambiare Life Strategies

Leggere libri online non ci emoziona: cresce la nostalgia del passato

Tecnologia, croce e delizia: il nostro rapporto con la tecnologia è quantomeno controverso e probabilmente il nostro amore-odio per questi nuovi strumenti deriva da emozioni che vanno approfondite.

 

Digitale o analogico?

Da una ricerca annuale che Samsung conduce in tutta Europa è emerso che, nel 2016, più di metà degli italiani ha aumentato l’uso della tecnologia rispetto a 2 anni fa, e addirittura il 14% ha dichiarato di non sapervi rinunciare. Contemporaneamente, però, un buon 36% ha anche ammesso di possedere almeno un dispositivo troppo avanzato rispetto alle proprie necessità e capacità di utilizzo. Come dire: la tecnologia ci incuriosisce e ci piace usarla, ma forse la consideriamo più un “passatempo” che un mezzo per soddisfare un reale bisogno.

Un’altra interessante statistica pubblicata dal portale Statista.com e basata sulle informazioni raccolte da U.S. Census Bureau, dice che nel 2015 e nel 2016 le vendite di libri cartacei negli USA sono aumentate. Un dato significativo se pensiamo che si tratta della prima crescita dal 2009.

vendita libri cartacei
La diffusione di Amazon, con i suoi libri digitali, viene considerata la causa principale della crisi di questo settore. Perciò, è probabile che l’inversione di tendenza registrata negli ultimi 2 anni non dipenda tanto da fattori materiali (dato che gli ebook mantengono i propri vantaggi rispetto ai libri cartacei), quanto emotivi.

 

La nostalgia del passato e delle tradizioni

Dopo il boom di musica, libri e film in formato digitale, sta avvenendo una sorta di “ritorno alle origini”: sono sempre di più coloro che vagano per mercatini e negozi dell’usato a caccia di vinili, musicassette e videocassette, videoregistratori e giradischi. La nostalgia del passato, quindi, non si riflette solo nel preferire un libro cartaceo rispetto a leggere libri online, ma si riversa in generale su tutti i supporti audiovisivi “fisici” che la tecnologia ha fatto sparire dalle nostre case.

Non che il mondo digitale non abbia una dimensione “fisica”, anzi: a volte le identità e le relazioni sui social network sono curate più di quelle reali. Non dimentichiamo, inoltre, che il web conserva testimonianza di tutto ciò che vi viene pubblicato: pensiamo alle vecchie foto in cui stentiamo a riconoscerci o agli stati di Facebook dei quali, magari, a distanza di anni ci sorprendiamo perché non ne condividiamo più il contenuto.

Ciò che con il digitale si perde, però, è la percezione dello scorrere del tempo e della consistenza delle nostre azioni: sul web tutto è immediato, istantaneo, effimero per certi versi, e si svolge in una rapida sequenza di click indistinguibili che toglie all’utente il piacere dei gesti, della ritualità, della dedizione richiesta dai mezzi tradizionali.

Uscire di casa, recarsi in biblioteca o in un negozio, sfogliare i libri o impolverarsi le dita facendole scorrere tra i vinili accatastati in un contenitore, sentire l’odore e percepire la ruvidità dei materiali, assorbendo quel senso di “vissuto” emanato dalle loro stropicciature: tutto questo permette di recuperare il gusto dell’esperienza, assente nel digitale.

In un certo senso, si potrebbe dire che uno dei trend che impazzano al momento su Instagram deriva proprio da questa nostalgia del passato: ci riferiamo a tutte quelle foto di persone intente nella lettura di un libro o di un giornale in totale relax, nell’intimità della propria casa, il tutto addolcito da filtri che rendono la scena più vintage. Paradossalmente, la tecnologia diventa un mezzo per ricreare, almeno in modo fittizio, un’atmosfera di cui sentiamo la mancanza.

libro cartaceo
D’altronde, i social sono un po’ il regno della finzione, un teatro in cui tutti mostrano solo il meglio di sé o cercano di dare forma reale a ciò che desiderano. Spesso si sottolineano le conseguenze negative del mentire, ma le bugie possono avere anche effetti positivi, come affermato dallo psicoterapeuta Giorgio Nardone, che ha studiato in profondità il nostro impulso a raccontare bugie.

 

L’arte di mentire a se stessi e agli altri

Per il Dottor Nardone mentire è inevitabile perché è la diretta conseguenza dei processi psicologici con cui elaboriamo le informazioni: tutti noi abbiamo una rappresentazione mentale del mondo, delle persone e delle esperienze che abbiamo vissuto, che è influenzata dalla nostra percezione soggettiva della realtà, dalle emozioni personali che proviamo e dalla memoria che ne conserviamo. Ciò significa che ogni nostro pensiero, idea e ricordo è condizionato da filtri soggettivi, diversi da persona a persona.

Dunque, il nostro cervello ci mente in continuazione riguardo alla realtà oggettiva, rendendo impossibile evitare del tutto le bugie verso noi stessi o gli altri. Eppure, per Nardone, questo non è uno svantaggio, bensì un ulteriore strumento a nostra disposizione: dobbiamo solo imparare a distinguere il mentire a se stessi benefico dal mentire a se stessi controproducente, e ad usare le giuste strategie per trarre il meglio da questi meccanismi.

 

Non tutte le bugie vengono per nuocere

Contrariamente a quanto siamo abituati a pensare, mentire a noi stessi può aiutarci ad ottenere risultati migliori e ad agire in modo più efficace. Ad esempio, questo accade quando:

  1. Facciamo un colloquio per un lavoro che ci piace molto, ma non abbiamo successo. A questo punto, elenchiamo ciò che, a pensarci bene, non ci convinceva del tutto: l’ufficio troppo distante da casa, i colleghi che non sembravano molto simpatici, la paga che non era poi così alta.
    In poche parole, sminuiamo una situazione che non siamo riusciti ad ottenere, raccontandoci una menzogna per confortarci e proteggere il nostro equilibrio emotivo dal senso di frustrazione e delusione;
  2. Dopo molte visite con diversi specialisti per trovare una soluzione definitiva a un disturbo, un caro amico ci consiglia un professionista, e siamo certi che lui sarà finalmente in grado di aiutarci.
    In questo caso, la bugia consiste nell’avvalorare una circostanza che desideriamo fortemente, aumentando le nostre aspettative verso di essa, da un lato, e riducendo paure e dubbi che la contrastano, dall’altro;
  3. Abbiamo un appuntamento con qualcuno che ci piace molto o con un cliente importante e vogliamo a tutti i costi fare colpo. Così ci prepariamo al meglio e ci presentiamo totalmente sicuri di noi, convinti che sapremo colpire la sua attenzione.
    Anche quest’atteggiamento è il prodotto di un autoinganno benefico, il quale ci permette di creare dal nulla la situazione che abbiamo proiettato nella nostra mente, facendo emergere le risorse necessarie a realizzarla senza quasi accorgercene.bugie

Accanto a queste forme di mentire che hanno effetti positivi, indispensabili per riuscire nei nostri intenti, ce ne sono però altre che ostacolano il raggiungimento degli obiettivi. Ad esempio:

  1. Siamo abituati ad ignorare le critiche dei nostri genitori su alcuni nostri modi di fare perché, in questa particolare circostanza, tale atteggiamento si è rivelato il modo migliore per evitare conflitti. Quando tendiamo a comportarci allo stesso modo anche con altre persone, però, questo stesso comportamento ha effetti totalmente opposti, facendo salire la tensione anziché annullarla.
    In questo caso, l’autoinganno è pensare che una soluzione funzionale ad una determinata situazione possa esserlo per tutte le altre, continuando a ripetere l’errore anche se la realtà ci smentisce;
  2. La nostra relazione sta attraversando un periodo di crisi e riceviamo numerosi segnali di insofferenza dal partner. Tuttavia, continuiamo a comportarci come al solito, e quando l’altro espone chiaramente i propri malumori sembriamo sorprenderci, come se non ci fossimo accorti di nulla.
    È ovvio che vedere solo ciò che vogliamo è una menzogna che raccontiamo a noi stessi pur di evitare il dolore, ma in questo caso l’effetto è negativo, perché rimandiamo l’inevitabile invece di affrontare i problemi;
  3. Un ragazzino timido e insicuro ha pochi amici e così, per sentirsi accettato da un gruppo di coetanei, inizia ad assumere atteggiamenti aggressivi verso i suoi compagni di scuola. Questo è un quadro abbastanza comune in alcuni episodi di bullismo, in cui un soggetto molto tranquillo diventa violento in presenza del branco.
    Ciò accade perché, a volte, ci costruiamo un personaggio e ci identifichiamo in esso al punto da perdere cognizione del nostro vero Io, mentendo a noi stessi con effetti negativi.

Visto che, secondo Nardone, è impossibile non mentire a se stessi, non dovremmo chiederci come evitare di raccontarci bugie controproducenti, piuttosto domandiamoci come possiamo trasformare tali meccanismi in strumenti che ci portino esattamente dove vogliamo.

In risposta alla domanda, Giorgio Nardone individua alcune tecniche, da lui definite autoinganni strategici, da usare proprio a questo scopo:

  1. Tecnica del “come peggiorare”: paradossalmente, pensare a tutti i modi in cui una situazione problematica potrebbe ulteriormente peggiorare ci aiuta a vedere anche le possibili soluzioni a cui prima non avevamo pensato.
    Proviamo a scrivere ogni mattina una lista delle cose che potremmo fare per peggiorare i nostri problemi quotidiani, e la sera controlliamo quante di queste abbiamo messo in atto: ci accorgeremo che riflettere su questi elementi ci ha automaticamente permesso di evitarli e trovare soluzioni alternative;
  2. Tecnica dello scenario oltre il problema: ci sono delle circostanze che ci turbano? Immaginiamo i pensieri e le emozioni che proveremo quando saranno totalmente risolte: proprio come siamo in grado di far emergere risorse nascoste per creare dal nulla qualcosa che desideriamo fortemente, sulla scia di questi pensieri ed emozioni ci scopriremo capaci anche di compiere le azioni adatte a risolvere i problemi;
  3. Tecnica del “come se”: questa tecnica è una variante della precedente e consiste nel domandarsi ogni mattina cosa faremmo se non avessimo nessuna preoccupazione, stilando una lista di azioni. A questo punto, individuiamo quella più semplice e realizziamola: da questo piccolo cambiamento “forzato” ne deriveranno altri più grandi in modo spontaneo, innescando una reazione a catena che migliorerà la nostra vita quotidiana.

Nardone, con queste tecniche, mostra chiaramente come il naturale istinto umano ad ingannare ed autoingannarsi possa rivelarsi un’arma molto potente sia per raggiungere traguardi apparentemente fuori dalla nostra portata, sia per superare limiti o problemi che ci sembrano insormontabili.
La cosa stupefacente è che non dobbiamo imparare nulla di nuovo: si tratta semplicemente di apprendere come sfruttare a nostro favore i meccanismi tipici della psiche umana grazie alle strategie della Terapia Breve Strategica.

 

Per scoprire altre tecniche che ti permetteranno di trasformare in breve tempo i comportamenti disfunzionali in azioni efficaci al tuo benessere psicofisico, clicca qui.

Troverai tutte le informazioni per incontrare Giorgio Nardone e partecipare a Il Coraggio di Cambiare, evento unico in Italia a cui prenderanno parte anche Robert Dilts e Jeffrey Zeig, riunendo così 3 tra i massimi esperti mondiali di PNL, Terapia Breve Strategica e Ipnosi Ericksoniana. Clicca qui per maggiori dettagli.

Il Coraggio di Cambiare Life Strategies

Pasqua e Hanami: è il momento della Rinascita. Come ritrovare l’Equilibrio Interiore

Manca poco a Pasqua, e già i telegiornali presentano varie statistiche su quanti italiani la passeranno in famiglia o tra amici, a casa o al ristorante, per poi limitarsi alla classica gita fuori porta del lunedì di Pasquetta, e su quanti, invece, ne approfitteranno per una vera e propria mini-vacanza o, al contrario, non la celebreranno affatto.

Statistiche e pranzi a parte, la Pasqua è una ricorrenza che ha origini molto più antiche di quanto si creda, il cui significato si espande ben oltre i riti religiosi.

 

La Pasqua nella storia

Forse non tutti sanno che le tradizioni tipiche della Pasqua hanno origini pagane: ecco perché tuttora cade la domenica dopo il primo plenilunio dall’Equinozio di primavera. Forse starete pensando: “questi antichi erano davvero bravi se sapevano fare previsioni tanto complicate!”. In realtà, si tratta semplicemente di seguire i cicli lunari: Pasqua coincide con la domenica che segue la prima luna piena dopo il 20 marzo.

Questa modalità di calcolo evidenzia il legame della Pasqua con le festività propiziatorie della fecondità della terra: in epoca romana, ad esempio, proprio nel periodo che seguiva l’Equinozio si celebrava il dio Attis, la cui morte e resurrezione simboleggiava il ciclo della natura.
Persino il significato simbolico dell’uovo di Pasqua risale ad epoche antiche, come si può vedere dalle statue pagane della Dea Madre, la cui fertilità era rappresentata, appunto, dalle uova.

La Pasqua, perciò, non è solo la festa della resurrezione in senso strettamente religioso: è la festa della rinascita, del risveglio, della trasformazione e della vita in tutti i suoi molteplici aspetti. Un’occasione di gioia e ringraziamento per il benessere e i frutti che la terra vorrà donare nei mesi successivi.

grano fertilità terra rinascita
Una manifestazione affascinante e unica al mondo di questo inno alla vita tipico del periodo è il rituale giapponese dell’hanami, che ogni anno vede partecipare anche molti turisti.

 

Cos’ è l’Hanami

Il termine Hanami in giapponese significa “osservare i fiori” ed indica la contemplazione della fioritura dei ciliegi sparsi in tutto il Paese. I fiori di ciliegio sbocciano proprio in questo periodo, nei mesi di marzo e aprile, trasformando per 2 settimane il panorama in modo stupefacente: non solo comuni cittadini e turisti, ma anche fotografi professionisti ne approfittano per immortalare questo spettacolo molto suggestivo.

Per l’occasione, i giapponesi organizzano pic-nic sotto ai ciliegi bevendo tè preparato con l’infuso dei loro fiori e mangiando un dolce di riso avvolto da una foglia di ciliegio: tutti rituali che rendono l’hanami una vera e propria tradizione culturale. Per capirne l’importanza, basta pensare che i meteorologi forniscono delle apposite previsioni, indicando i giorni in cui la fioritura raggiunge l’apice in ogni area del Paese.

Per noi italiani, circondati ogni giorno da bellezze paesaggistiche che tutto il mondo ci invidia, potrebbe essere difficile capire come mai il Giappone dedichi così tanta attenzione a questo fenomeno naturale.

Qual è il vero significato dell’hanami?

 

L’Hanami e il Ciclo della Vita

I fiori di ciliegio sbocciano, rendono il panorama incantevole e poi appassiscono nell’arco di appena 2 settimane. Ammirarli si tratta di un vero e proprio carpe diem, qualcosa che non si può rimandare rispetto ai propri impegni quotidiani se non lo si vuole perdere.

Questa caratteristica rende l’hanami qualcosa di più di una semplice osservazione della natura: chi vi si immerge entra in contatto con la fugacità della vita, con la consapevolezza del divenire di tutte le cose, del ciclo di genesi, trasformazione, morte e rinascita che dall’alba dei tempi si ripete incessante, riflettendosi sia nel mondo esterno che nel nostro mondo interiore, nel nostro spirito.

hanami
L’hanami celebra l’unione degli opposti, un cerchio in cui inizio e fine si uniscono e si fondono in un tutto inseparabile. Risvegliarsi, fiorire, crescere, maturare, evolversi, reinventarsi: questi sono i valori che rendono l’hanami tanto importante per la cultura orientale, molto più sensibile di quella occidentale all’equilibrio tra mondo materiale e spirituale.

Il periodo dell’hanami ci offre l’opportunità di riflettere sulle componenti della nostra psicologia e del nostro animo, in tutte le loro forme, dato che ognuno di noi raccoglie in sé sia punti di forza e capacità, che paure e debolezze. Dobbiamo imparare che sono proprio la consapevolezza di tutti questi elementi nascosti in noi, la loro unione equilibrata e l’abilità di sfruttarla a nostro vantaggio a renderci completi, forti e capaci di reagire ad ogni circostanza della vita con coraggio e fiducia in noi stessi.

 

Come ristabilire l’Equilibrio Interiore

A volte le persone hanno difficoltà ad accettare i propri limiti e difetti: siamo talmente impegnati ad essere sempre perfetti, tanto sul lavoro quanto in famiglia e tra gli amici, che non riusciamo a sopportare nessuna crepa nel nostro modo di essere. Eppure, questo è impossibile: proprio come insegna l’hanami, la vita stessa è un ciclo in cui si incontrano bene e male, buono e cattivo, e così avviene anche per noi.

Solo accettandoci per ciò che siamo, incluse luci ed ombre, possiamo liberare il nostro potenziale inespresso e sentirci finalmente in pace con noi stessi, liberi da pregiudizi e felici.

Quante volte, ad esempio, abbiamo avuto dei sensi di colpa perché non siamo stati abbastanza pazienti con i nostri figli o perché non ci siamo mostrati molto disponibili verso qualcuno che richiedeva la nostra vicinanza in un momento particolare della propria vita? Oppure, ci sarà anche capitato di subire dei rimproveri dal partner per non aver mantenuto una promessa, e così via, andando da circostanze apparentemente banali fino a episodi più importanti.

Accettare i propri limiti, perdonare i propri errori e superare così la barriera tra chi siamo e chi dovremmo essere è fondamentale per riportare equilibrio nel nostro spirito e nella nostra vita.

come ritrovare l'Equilibrio Interiore
Possiamo muovere un primo passo verso questo obiettivo con il seguente esercizio, conosciuto in Programmazione Neurolinguistica come identità del sé buono e del sé cattivo: si tratta di un esercizio che si può fare sia in coppia che da soli, semplicemente alternando scrittura e dialogo.

Vediamo come procedere in quest’ultimo caso:

  • Prima di tutto bisogna centrarsi, cioè entrare in connessione profonda con il proprio centro, il punto dove si raccolgono le nostre energie e le nostre emozioni più profonde;
  • Fatto ciò, scriviamo su un foglio: “ciò che voglio che il mondo veda è che io sono … “ ed elenchiamo i nostri punti di forza, le nostre qualità, ciò che ci rende fieri di noi. Queste componenti costituiscono il nostro “sé buono”;
  • Allo stesso modo, poi, scriviamo: “ciò che non voglio che il mondo veda è che io sono anche …” e mettiamo nero su bianco ciò che vorremmo eliminare dal nostro modo di essere, che ci rende insicuri e che ci spaventa perché temiamo che possa danneggiare l’opinione degli altri su di noi. Questi fattori rappresentano, al contrario, il nostro “sé cattivo”;
  • Una volta terminato, leggiamo il foglio in questo ordine:
    1) prima diciamo: “io vedo che sono …” e leggiamo ciò che abbiamo scritto nella sezione del sé buono;
    2) poi diciamo “io vedo anche che sono …” e leggiamo ciò che è scritto nella sezione del sé cattivo;
    3) concludiamo dicendo: “io vedo che sono tutte queste cose insieme, e oltre a queste sono anche molto, molto di più”.
    Sentiamo questa frase fin nel profondo del nostro centro, fino a quando percepiremo una sensazione di serenità e completezza del nostro essere. A questo punto riprendiamo contatto con l’ambiente circostante.

Questo esercizio ci permette di superare la separazione psicologica tra le nostre capacità e i nostri limiti, ricomponendo così la frattura inconscia tra la parte positiva e negativa di noi stessi.

Solo in questo modo potremo raggiungere la piena consapevolezza dell’unità del nostro essere, compiendo il passo necessario per il successivo sviluppo delle nostre potenzialità ancora inespresse.

 

Per approfondire l’argomento e scoprire molte altre tecniche che consentono di conoscere meglio se stessi e far emergere le proprie risorse, clicca qui!

Troverai tutti i dettagli per partecipare a Il Coraggio di Cambiare, dove potrai incontrare dal vivo Robert Dilts, Giorgio Nardone e Jeffrey Zeig, 3 tra i massimi esperti mondiali del cambiamento, ed esercitarti direttamente con loro per iniziare al meglio il tuo percorso di sviluppo personale.

Il Coraggio di Cambiare Life Strategies

3 esercizi per sviluppare la resilienza e imparare dai propri errori

Superare i propri limiti imparando dagli errori passati non è facile: per riuscirci occorre consapevolezza, positività e fiducia in se stessi. Fortunatamente, queste risorse possono essere sviluppate da tutti: dobbiamo solo conoscere il modo giusto per portarle alla luce!

 

Sbagliare è il primo passo per migliorare

Già l’educatrice e pedagogista Maria Montessori intuì quanto sia importante per i bambini fare esperienze dirette e commettere degli errori per un pieno sviluppo delle loro capacità intellettive ed emotive.

Il suo metodo e le sue ricerche rivoluzionarono la formazione infantile, fino a quel momento intesa come un sistema in cui il bambino andava corretto e punito o premiato a seconda della sua abilità nel seguire le istruzioni dell’insegnante.

Per la Montessori, invece, ogni attività educativa doveva ruotare attorno alla libertà di espressione del bimbo, errori inclusi, ritenendo che “solo l’esperienza e l’esercizio correggono gli errori, e l’acquisto delle diverse capacità richiede lungo esercizio”.

imparare dai propri errori per crescere

 

Eppure, a distanza di un secolo, nonostante tutti riconoscano che sbagliare sia fondamentale non solo per l’apprendimento, ma pure per la Crescita Personale, queste idee non sono ancora assodate. La presunzione che si debba essere perfetti condiziona ancora gran parte delle nostre azioni quotidiane.

 

Abbiamo bisogno di tempo per “imparare la lezione”

Uno studio pubblicato sulla rivista “Journal of Neuroscience” ha evidenziato che un’apposita area del nostro cervello ci avvisa quando facciamo uno sbaglio, determinando anche la nostra capacità di correggerci.

Alcuni esperti, tra cui lo psicologo dell’Università del Maryland George Buzzell, hanno cercato di capire perché, a volte, ripetiamo lo stesso errore: dalle ricerche è emerso che tale tendenza  dipenderebbe dal tempo necessario alla nostra mente per elaborare le informazioni.


Infatti, quando il cervello si accorge di uno sbaglio, automaticamente si concentra su di esso, per trovare il modo di porvi rimedio. Tuttavia, se nel frattempo siamo impegnati in azioni che richiedono decisioni rapide come, ad esempio, suonare uno strumento o guidare, ciò causa un deficit di attenzione e la possibilità di sbagliare di nuovo aumenta.
In breve, quando non abbiamo tempo sufficiente per elaborare un errore, il nostro cervello subisce una specie di “interferenza” che, per qualche istante, lo manda “fuori uso”.

correggere gli errori

 

Questo, almeno, è quello che succede dal punto di vista neurologico. Ma quanto influisce l’approccio psicologico ed emotivo nella capacità di imparare dai propri errori e superare così i propri limiti?

 

Superare i propri limiti con la resilienza

Per crescere grazie agli errori commessi occorre, prima di tutto, riconoscerli: accettare di essere imperfetti e di non avere sempre ragione è il primo passo per confrontarsi non solo con gli altri, ma anche con noi stessi, guardandoci dentro e capendo quali sono sia i nostri punti di forza, che le nostre debolezze.

Fatto ciò, è poi necessario lavorare sui propri “punti critici”, per trasformarli da limiti in fattori distintivi che rendano ogni nostra azione unica, autentica: in questo percorso può aiutarci la resilienza.

 

La resilienza non è una semplice resistenza agli episodi difficili della vita.

In realtà va ben oltre: è una capacità di crescita, un processo dinamico che porta una persona a trasformarsi, evolversi, prendere coscienza di possibilità prima ignorate e avvicinarsi così alla propria realizzazione nonostante le condizioni avverse in cui potrebbe trovarsi.

Alcuni esempi di resilienza sono coloro che, di fronte ad una perdita o ad una malattia, riscoprono valori importanti prima trascurati, riappropriandosi della propria identità e del proprio tempo.

Oppure chi è privo di occupazione e riesce a reinventarsi, facendo emergere abilità, risorse ed aspirazioni che non aveva avuto il coraggio di perseguire prima.
Anche chi commette degli errori a causa dei quali è costretto a rivedere la propria opinione di sé e il suo rapporto con gli altri potrà rielaborare tutto questo con maggior successo proprio grazie alla resilienza.

La vita, a volte, può metterci in difficoltà in vari modi: un caro amico che si allontana da noi, un litigio che incrina i rapporti con qualcuno per noi molto importante, una scelta professionale che non si rivela fortunata quanto sperato…

Eppure, chi coltiva un atteggiamento resiliente è comunque capace di superare i propri limiti e camminare a testa alta in mezzo ad ogni tempesta, fino ad approdare al porto sicuro da cui potrà ripartire più forte e fiducioso, grazie ad una maggiore consapevolezza di se stesso e all’esperienza acquisita.

sviluppare la resilienza

 

Come possiamo sviluppare la nostra capacità di resilienza? Vediamolo insieme attraverso 3 esercizi.

 

3 esercizi per sviluppare la resilienza

Ecco alcuni esercizi utili per potenziare questa dote così importante per una vita felice:

  1. Essere resilienti vuol dire, prima di tutto, essere flessibili, perciò alleniamo la nostra mente ad accettare modi di pensare e agire diversi dai nostri: cerchiamo di affrontare ogni giorno qualcosa di nuovo, a cui non siamo abituati, mettendo alla prova la nostra capacità di adattamento a circostanze insolite.Siete persone razionali, che organizzano tutto minuziosamente da quando si svegliano a quando rientrano in casa la sera? Provate a cimentarvi in qualcosa che richieda spontaneità, creatività e che faccia leva più sull’istinto che sulla riflessione, come un corso di danza o suonare uno strumento musicale.
    L’importante è mantenersi aperti al confronto e alla scoperta.

  2. Impariamo a lasciar andare ciò che non possiamo controllare.
    Al giorno d’oggi le nostre vite scorrono con ritmi frenetici: abbiamo bisogno di agende o note digitali per ricordare tutti gli impegni della giornata, sul lavoro abbiamo i minuti contati tra riunioni, pratiche e incontri, a volte ci lamentiamo persino che i supermercati chiudano troppo presto perché non riusciamo a fare la spesa entro le 21.00.
    Per districarci in questa corsa continua, la mania di controllo è quasi diventata un’esigenza: basta che uno dei nostri piani salti per scombinare tutto il resto, con un effetto domino. Si arriva così a situazioni che turbano la serenità propria e altrui: pensiamo, ad esempio, a quanti genitori cercano di imporre ai figli decisioni fondamentali come la scelta del percorso di studi o del lavoro solo per mantenere il controllo delle loro vite, anche se con intenti protettivi.Eppure, dovremmo ricordarci che la vita non segue le nostre istruzioni: possiamo pianificare le giornate quanto vogliamo, ma non potremo mai mantenere ogni elemento sotto controllo.
    La cosa più saggia da fare, oltre che ad accettarlo, è imparare a gestire ciò che ci accade con calma e concentrazione, piuttosto che arrabbiarci o andare nel panico quando qualcosa va diversamente da come ci aspettavamo.
    Solo cavalcando gli eventi potremo vedere le opportunità di crescita che nascondono.

  3. Coltiviamo la bellezza nella nostra vita: prendersi del tempo per ammirare un paesaggio, andare ad una mostra d’arte, disegnare, fare giardinaggio, avere cura di sé con un bagno caldo rilassante, un appuntamento dal barbiere o una manicure dai colori vivaci sono tutti modi per ricordarci che la vita regala momenti sereni a chi sa vederli nonostante le difficoltà.
    Possono sembrare piccolezze di poco conto, eppure sono proprio le piccole cose a fare la differenza quando tutto sembra girare storto: la bellezza, in tutte le sue manifestazioni, può aiutarci a sviluppare un atteggiamento più resiliente e positivo.

 

Applicandoci quotidianamente in questi piccoli e semplici esercizi riusciremo, col tempo, a maturare la flessibilità mentale necessaria per sviluppare la nostra capacità di resistenza, trovare nei nostri errori degli insegnamenti positivi e, soprattutto, impareremo a fare frutto di tutto ciò che la vita ha da offrirci.

 

“La resilienza non è solo la voglia di sopravvivere a tutti i costi, ma anche la capacità di usare l’esperienza maturata in situazioni difficili per costruire il futuro.”
Andrea Fontana

 

Gli argomenti che abbiamo affrontato in questo articolo sono diversi, e tutti possono essere approfonditi con ulteriori suggerimenti, tecniche ed esercizi. Vuoi saperne di più?

Allora clicca qui e scopri come partecipare al corso Il Coraggio di Cambiare, dove potrai ascoltare dal vivo Giorgio Nardone, Jeffrey Zeig e Robert Dilts, 3 tra i massimi esperti internazionali del cambiamento e dello sviluppo delle proprie capacità personali.

Il Coraggio di Cambiare Life Strategies

Come gestire le emozioni per raggiungere obiettivi eccezionali: ecco cosa fanno i grandi atleti

Finalmente le belle giornate di sole sono tornate!

Le temperature si alzano e con loro cresce anche la voglia di scuotersi di dosso la pigrizia invernale e rimettersi in forma per l’estate.

I più atletici avranno già rispolverato biciclette e scarpe da jogging riversandosi nei parchi e nelle piste ciclabili, approfittando delle ore di luce a disposizione per praticare un po’ di sano sport all’aria aperta.

 

Gli effetti dello sport su stress e ansia

È scientificamente provato che lo sport faccia bene non solo al fisico, ma anche alla mente: l’attività atletica rafforza l’autostima e riduce lo stress, ci aiuta a scaricare le tensioni accumulate durante i vari impegni quotidiani e a rompere la noia della routine.

Lo sport ci fa sentire meglio sia con il nostro corpo, mantenendo il peso sotto controllo e modellando la muscolatura, che con la nostra psiche, rendendoci più attivi, positivi e rilassati. È l’intero equilibrio psicofisico a giovarne, migliorando sia il nostro aspetto esteriore che la nostra sicurezza in noi stessi.

 

Eppure anche lo sport, se praticato ad alti livelli, può avere degli effetti negativi, tanto che alcuni atleti possono essere colpiti da vere e proprie sindromi, come quella pre-agonistica, a causa della quale si vivono intensi stati d’ansia alla vigilia di eventi sportivi.

Stress e ansia sono fattori che tutti noi affrontiamo nella vita di ogni giorno, sia a lavoro che in famiglia o nelle relazioni interpersonali, ma è innegabile che la preparazione ad una competizione sia, per un atleta, particolarmente delicata.

come gestire le emozioni nello sport

Tutti gli sportivi sanno benissimo che il duro allenamento e i sacrifici di interi mesi si giocano nell’arco di pochi minuti. E non c’è la possibilità di rimediare agli errori, per quanto piccoli siano: spesso le gare si decidono su margini di decimi e addirittura centesimi di secondo, o su dettagli che si fanno sempre più minuziosi con il salire del livello dei partecipanti.

A questo vanno aggiunte le aspettative degli allenatori, dei fan, della propria famiglia, dei compagni di squadra, che contano tutti sul fatto che l’atleta dia il massimo e regali loro la magia della vittoria.

Di conseguenza, la pressione avvertita non può che essere altissima.

 

Gestire le emozioni aiuta a vincere

In questo contesto, imparare a gestire le emozioni si rivela un momento fondamentale dell’allenamento sportivo.

Ecco perché una specifica branca della psicologia, cioè la psicologia dello sport, si occupa proprio di preparare mentalmente gli atleti per aumentarne le abilità psichiche quali, ad esempio, attenzione, concentrazione, motivazione, gestione dello stress e dell’ansia.

L’aspetto più interessante di queste tecniche è che non sono efficaci solo nel settore sportivo, ma possono essere applicate con successo in ogni ambito della vita quotidiana, aiutandoci a vivere relazioni serene e ad affrontare al meglio le difficoltà di ogni giorno, rendendoci più sicuri di noi stessi.

Ecco perché lo psicoterapeuta Giorgio Nardone, che da anni opera sia in contesti manageriali che sportivi, ha messo a punto un  modello operativo, capace di risolvere in tempi brevi anche situazioni per cui le tecniche ordinarie si rivelano inefficaci: la Terapia Breve Strategica.

Un esempio concreto di come, con i giusti strumenti, si possano risvegliare le risorse psicologiche capaci di farci raggiungere traguardi straordinari, è fornito dall’esperienza dello schermidore Aldo Montano, che nel febbraio del 2011 si infortunò gravemente e fu costretto a 2 mesi di stop, ad appena 8 mesi dal Campionato Mondiale di Scherma di Catania.

combattere lo stress raggiungere obiettivi nello sport
Fu anche per merito dell’allenamento mentale svolto con Giorgio Nardone e delle tecniche e strategie sviluppate dai suoi modelli operativi, che Montano riuscì non solo a partecipare al Mondiale di Catania, ma persino a vincere la medaglia d’oro.

Un risultato strabiliante, che non sarebbe mai stato possibile senza la consapevolezza che forza e resistenza fisiche, da sole, non bastano per affrontare gli ostacoli nella vita: è soprattutto l’equilibrio psicofisico, la capacità di gestire le emozioni e l’abilità di potenziare al massimo le proprie doti psichiche a condurre verso traguardi eccezionali.

 

Una delle tecniche utili a combattere ansia e stress, ottenendo risultati migliori, è la visualizzazione immaginativa, che può essere utilizzata ovunque e in qualsiasi momento: consiste nel selezionare una situazione confortevole, in cui ci si senta sereni e a proprio agio, per proiettarsi al suo interno ogni volta che se ne ha bisogno.

Affinché funzioni, è necessario ricostruire la situazione il più dettagliatamente possibile, facendo attenzione a tutto ciò che la caratterizza: luci, suoni, odori, oggetti, persone, in quale fase della giornata ci si trova e quali sensazioni proviamo.

Fatto ciò, non resta che esercitarsi il più possibile a ricreare la situazione con l’immaginazione, così da percepire istantaneamente la calma e il rilassamento necessari a raggiungere i propri scopi.

 

Questa è solo una delle tecniche che aiutano a gestire le proprie emozioni per agire ogni giorno in modo più efficace, ma ce ne sono molte altre da attuare.

Vuoi apprendere anche tu gli insegnamenti e gli esercizi pratici che permettono ai più grandi atleti di superare i propri limiti?

Scopri come metterli in pratica direttamente con Giorgio Nardone, Robert Dilts e Jeffrey Zeig al corso Il Coraggio di Cambiare: un’opportunità unica per portare alla luce le tue risorse nascoste permettendo loro di  guidarti verso miglioramenti concreti, che cambieranno la tua vita sia a livello professionale, che personale.
Clicca qui per avere tutte le informazioni sul corso e scoprire come partecipare.

Il Coraggio di Cambiare Life Strategies

Come superare i nostri limiti grazie al Blocco dello Scrittore (anche se non siamo scrittori)

“Quando ci si sente incapaci di scrivere, ci si sente esiliati da se stessi.”
Harold Pinter, premio Nobel per la letteratura.

 

Questa frase ci mostra che anche i premi Nobel, a volte, vengono colpiti dal famoso blocco dello scrittore.

Troppo spesso commettiamo l’errore di pensare che essere bravi in qualcosa significhi non trovarsi mai in difficoltà o non sforzarsi di superare i propri limiti. È proprio questo pregiudizio sbagliato ad aumentare l’insicurezza in noi stessi e i timori di non farcela quando ci troviamo davanti ad una nuova sfida.

Ma quale verità si cela dietro al blocco dello scrittore e al raggiungimento di grandi traguardi?

 

L’iceberg del successo

Se cerchiamo su Google “tentativi di personaggi famosi” otterremo una lunga lista di nomi celebri, provenienti da ogni settore, che hanno lottato per raggiungere i propri obiettivi: a quanto pare già Google smentisce la nostra idea che per riscuotere successo occorra essere perfetti. Un’immagine abbastanza nota rappresenta molto bene ciò di cui stiamo parlando: il cosiddetto iceberg del successo.

iceberg del successo

Proprio come un iceberg, di cui è visibile solo la punta che affiora dall’acqua, lasciandoci ignari di tutto ciò che è nascosto sotto la superficie, anche il successo ci mostra solo la sua parte più bella, fatta di riconoscimenti, gratificazione, affermazione, felicità.

Ma chi, oltre a coloro che hanno lavorato duramente per raggiungere quel traguardo, ha idea degli sforzi, dei sacrifici, dei dubbi, delle correzioni, delle delusioni che vi sono sotto? Nessuno.

Provate a chiedere a chiunque sia riuscito a realizzare almeno uno dei propri sogni: vi dirà che per riuscirci ha dovuto guardare negli occhi le proprie paure e superare i propri limiti, nonostante fosse molto bravo in quello che faceva.

 

Il Blocco dello scrittore

Ecco cosa significa vivere il blocco dello scrittore: trovarsi faccia a faccia con i propri timori e, nonostante tutto, vincerli. In questo senso, ciascuno di noi prima o poi affronta questo blocco quando avvia un progetto, si pone degli obiettivi o decide di intraprendere qualcosa di nuovo.

Dal blocco dello scrittore possiamo tutti imparare una lezione importante, cioè che anche i personaggi che ci ispirano hanno provato le nostre stesse incertezze: questo significa che anche noi, come loro, possediamo gli strumenti necessari per uscire da qualsiasi impasse la vita ci metta davanti!
Basta capire cos’è che ci blocca e adottare le soluzioni adeguate per impedire che questo si ripeta.

 

Nessuno è perfetto

A volte uno scrittore si blocca perché nessuna frase sembra quella giusta: butta giù due righe, poi ci ripensa, le modifica, ne cancella una parte, il discorso continua a non filare e alla fine riparte da zero, alla ricerca della combinazione perfetta.

È un po’ quello che succede anche a noi quando abbiamo in mente un progetto e ci sentiamo pronti ad iniziare, però le sfide che incontreremo ci spaventano e così continuiamo a rimuginare, immaginando tutto quello che potrebbe andare storto e come gestirlo, lasciandoci spaventare da questi scenari.

Il risultato? Ci blocchiamo.

Quando cadiamo in questo meccanismo controproducente non facciamo altro che confrontarci con un ideale di perfezione irraggiungibile, che è solo nella nostra mente. Per uscire da questo labirinto dobbiamo tornare coi piedi per terra: ricordiamoci che nessuno è perfetto ma che, per fortuna, tutto (o quasi) si può migliorare!

 

Impariamo a sbagliare

Ripensiamo alla lista di “tentativi di personaggi famosi” di cui parlavamo poco fa: serve altro a dimostrarci quanto sia importante sentirsi liberi di sbagliare per superare i propri limiti e raggiungere gli obiettivi?

Quando uno scrittore ha un blocco, una delle soluzioni che adotta è scrivere liberamente, dando voce alle emozioni e senza preoccuparsi troppo della forma o dello schema che aveva in mente: in seguito avrà modo di riorganizzare il discorso, affinare il linguaggio, fare i dovuti tagli e correggere eventuali errori.

L’importante, in questo caso, è ascoltarsi e seguire il flusso dell’immaginazione.

Facciamo così anche noi: non sforziamoci di avere tutto sotto controllo e seguiamo il nostro istinto, diamo spazio alle nostre passioni e scopriamo dove ci portano. Durante il percorso avremo tutto il tempo di valutare a mente fredda quali dettagli andrebbero rivisti con maggior attenzione e quali accorgimenti potrebbero renderci le cose più semplici.

superare i propri limiti

Il saggista di origine libanese Nassim Nicholas Taleb sostiene che

 

“La persona che temiamo maggiormente di contraddire siamo noi stessi.”

 

Eppure, come possiamo crescere e migliorare se non cambiamo mai idea, se non torniamo sui nostri passi per correggere una direzione che non ci soddisfa abbastanza, se non ci diamo la possibilità di capire cosa non funziona e trasformarlo nella soluzione migliore?

Superare i propri limiti significa, prima di tutto, riconoscerli: solo così potremo andare oltre le nostre aspettative! Fidiamoci delle nostre sensazioni e facciamo esperienza diretta delle cose, piuttosto che pretendere di sapere subito quale strada dovremmo imboccare.

Neppure i personaggi che ci ispirano lo sapevano all’inizio, ma questo non li ha certo fermati!

 

Usiamo le scalette

Sembra incredibile, ma anche i piccoli gesti possono aiutare ad affrontare i problemi in maniera più efficace: avreste mai pensato che per superare il blocco dello scrittore potesse bastare una scaletta degli argomenti da toccare in ogni parte dell’opera?

Non occorre aggiungere troppi dettagli: è sufficiente una semplice traccia di come strutturare il lavoro, una scaletta proprio come quella che facevamo durante i temi delle elementari, che permette di organizzare le idee e di portare il racconto verso la conclusione stabilita con facilità.

Se questo consente agli autori di superare il proprio blocco, perché non seguiamo l’esempio?

Facciamo anche noi le scalette dei nostri progetti: scriviamo su un foglio o nel pc gli obiettivi che vogliamo raggiungere, partendo da quello finale, il più ampio, e restringendo via via gli obiettivi in base alle varie fasi del progetto, focalizzandoci su quelli intermedi.

lista obiettivi

 

Ad esempio: a qualcuno piacerebbe trasformare la propria passione per i dolci in un mestiere?

Magari l’obiettivo finale sarà aprire una pasticceria in proprio, ma non è possibile riuscirci se prima non si frequenta un corso di pasticceria, non si fa pratica in un laboratorio e non ci si costruisce l’esperienza necessaria a sfornare dolci davvero indimenticabili.

 
Stabilire quali sono gli obiettivi intermedi permette di avere chiari in mente i passi da seguire per arrivare al successo che desideriamo.

 

Un’altra scaletta molto efficace è quella delle difficoltà da superare.
Ci sono delle azioni che ci preoccupano perché non sappiamo come affrontarle al meglio? Scriviamo anche quelle, sia quando ci vengono in mente che quando le incontriamo nella pratica quotidiana.

Ad esempio, se non riusciamo a decidere quale corso sia il più adatto alle nostre esigenze, rischiamo di perderci in una giungla di informazioni e, in preda alla confusione, non scegliere più nulla!

Per non cadere in questa trappola, annotiamo i pro e i contro delle varie opzioni che abbiamo e poi, quando tutte le informazioni saranno davanti a noi, concentriamoci solo su quelle davvero rilevanti per la scelta.

Magari scopriremo che ci interessa più la certificazione rilasciata dal corso che la sua durata o la sede: a questo punto la scelta si dimostrerà più semplice.

 

Queste tecniche, utili a superare non solo il blocco dello scrittore, ma ogni tipo di blocco, sono semplici eppure sorprendentemente efficaci se applicate con costanza: l’importante è non lasciare che insicurezze del tutto normali ci distolgano dal potenziale che potremmo liberare grazie alle giuste strategie.

Ricordiamoci che nulla nasce dal nulla, anzi, come diceva il poeta André Suarès:

 

“Il nulla è l’universo senza di me”.

 

Perciò, non lasciamo che le nostre capacità si disperdano nel vuoto!

 

Scopri come far emergere le tue potenzialità e svilupparle a pieno grazie agli insegnamenti e agli esercizi che Robert Dilts, Giorgio Nardone e Jeffrey Zeig condivideranno durante il corso Il Coraggio di Cambiare:

due giornate in cui potrai apprendere ed applicare tecniche innovative per superare i limiti e le paure che ti bloccano.

Clicca qui per maggiori dettagli e per le migliori condizioni di partecipazione.

Il Coraggio di Cambiare

Ad ogni problema la sua soluzione

Hai presente la storia dei cammelli di Alì Babà?

Alla sua morte Alì Babà lasciò 39 cammelli in eredità ai suoi 4 figli, con l’accordo che avrebbero dovuto dividerseli come segue: al primogenito sarebbe andata la metà dei cammelli, al secondogenito un quarto, al terzogenito sarebbe spettato un ottavo e infine al più giovane sarebbe rimasto un decimo dei cammelli.

Hai provato a calcolare la quantità esatta lasciata ad ogni figlio?

Per far tornare i conti dovremmo dividere un cammello a metà. Furbetto questo Alì Babà!

Il caso volle che da quelle parti passasse un saggio errante. I fratelli, intenti a discutere, lo vennero a sapere e lo mandarono subito a chiamare. Al suo arrivo gli esposero il problema e, dopo averci ragionato un po’, il saggio disse: “Ho la soluzione”. Prese il suo cammello, lo aggiunse ai 39 e cominciò a dividere: 20 cammelli al primo figlio, 10 cammelli al secondo, 5 cammelli al terzo e 4 al quarto. Montò sul cammello rimasto, che era il suo, e se ne andò via lasciando tutti senza parole.

Una soluzione geniale!

 

 

Soluzioni semplici a problemi complessi

 

Immersi come erano nella loro realtà, i fratelli non riuscivano a risolvere il loro annoso problema. La soluzione c’era ma loro non avevano gli strumenti necessari per individuarla.

Fin dai tempi di Aristotele siamo stati abituati ad adottare una modalità di ragionamento lineare che spesso, però, risulta non funzionale. Per cui, di fronte alla necessità di suddividere alla perfezione 39 cammelli – e mantenerli ovviamente tutti interi – rimarremmo bloccati perché, in effetti, non è possibile.

Il saggio non compie nessun trucco, ma in maniera creativa trova una soluzione strategica ad una situazione apparentemente irrisolvibile.

 

 

Un modello per ogni tipo di problema

 

Giorgio mi ha insegnato il Problem Solving Strategico, l’ipnosi e gli stratagemmi, strumenti determinanti per rialzarsi da una crisi e realizzare un’impresa impossibile che si è materializzata con una vittoria strepitosa. Aldo Montano

 

Il dottor Giorgio Nardone, uno dei più celebri psicologi al mondo, ha formulato dei modelli operativi efficaci che permettono di trovare, in tempi brevi, soluzioni alternative a problemi complessi.

A rendere straordinariamente efficace questo metodo è la sua estrema versatilità, che permette di adattarlo ad ogni tipo di problema. Non vengono imposte soluzioni preconfezionate a problemi diversi, ma di volta in volta si propongono interventi differenti che risultano adatti alla difficoltà, al contesto o alla persona di turno.

Grazie a questa caratteristica, il metodo elaborato dal professor Nardone può essere impiegato in ogni ambito della vita personale e professionale.

Proviamo ad applicarlo ad una fobia comune nei bambini, come la paura del buio:

 

  • Definire l’obiettivo. Come prima cosa dobbiamo capire qual è il nostro obiettivo per poter poi costruire una strategia di risoluzione. In questo caso sarà superare il timore di rimanere al buio.

 

  • Identificare gli ostacoli. Cosa ci impedisce di raggiungere i nostri obiettivi? Forse non è il buio in sé a farci paura ma è la perdita del controllo sulla realtà che ci circonda, sensazione sgradevole che sperimentiamo quando siamo immersi nell’oscurità.

 

  • Tentate soluzioni. L’uomo per sua natura tende a mantenere gli equilibri raggiunti. Chiedendo ad un amico di accompagnarci in luoghi bui o addirittura evitandoli con accanito rigore, non facciamo altro che alimentare il problema e auto-confermarci che non siamo in grado di risolverlo.

 

  • Introdurre soluzioni alternative. In maniera paradossale, per risolvere la nostra paura dobbiamo trovare il modo di peggiorarla: scrivendo nero su bianco tutto ciò che ci spaventerebbe ancora di più, la nostra mente troverà automaticamente sia le soluzioni per evitare tali situazioni, sia le modalità alternative per superare i nostri timori.

 

Quello di cui abbiamo parlato finora è un’introduzione al metodo formalizzato dal professor Nardone. Grazie a lui, oggi sappiamo che esiste un sistema valido e comprovato che ci permette di superare gli ostacoli della vita quotidiana. Applicando i suoi insegnamenti, non vedremo più i problemi come montagne invalicabili, ma inizieremo a ragionare strategicamente per superarli.

 

Nella sua lunga carriera, Giorgio Nardone ha trattato con successo più di 15.000 casi e il tasso di soddisfazione dei clienti supera il 90%. È considerato il maggior esponente della scuola di Palo Alto e le sue ricerche l’hanno condotto a formalizzare alcuni tra i più originali modelli operativi nel campo della Terapia Breve Strategica.

Clicca qui per partecipare al corso Il Coraggio di Cambiare e apprendere direttamente dal professor Nardone le strategie migliori per superare gli ostacoli quotidiani.

 

Ora tocca a te! Ecco un test per verificare quanto il tuo modo di risoluzione dei problemi sia strategico e creativo.

Com’è possibile mettere 6 bicchieri in 4 scatole di modo che in ogni scatola ci sia lo stesso numero di bicchieri?

Suggerimento: Le scatole sono di diverse grandezze.

 

Commenta l’articolo e condividi con noi la tua soluzione. Ti diremo se hai indovinato!

 

 

 

 

Terapia Breve Strategica: cambiare vita e non perdere tempo

Sai qual è l’elemento di cui tutti, nessuno escluso, sentiamo più la mancanza?

È qualcosa di cui percepiamo un profondo bisogno, tuttavia ci sfugge di continuo: stiamo parlando del tempo. Ogni giorno corriamo dietro a mille impegni: prima il lavoro, dividendoci tra riunioni, pratiche e incontri con i clienti, poi subito via a casa, dove ci aspettano altri doveri a cui non possiamo venir meno.

Finalmente arriva la sera, il momento in cui potremmo rilassarci, pensare un po’ a noi, regalarci una piccola coccola, come un bagno caldo o quel libro che da un mese ci guarda dal comodino, e invece no.
Appena siamo liberi dalle faccende abitudinarie che occupano ogni minuto della nostra giornata veniamo sovrastati dai pensieri, che spesso coincidono con preoccupazioni.

Quante volte ce ne stiamo sdraiati nel letto a rimuginare su quello che è andato storto nelle ore precedenti e su quello che ci piacerebbe fare ma per cui non ci sentiamo mai pronti? Quante volte sentiamo che vorremmo cambiare qualcosa nella nostra vita, eppure non riusciamo a capire esattamente cosa e da che parte iniziare? La mancanza di tempo è uno dei motivi che rende tanto difficile comunicare con noi stessi: non riusciamo a fermarci, ascoltarci e capire cosa vogliamo migliorare.

Come possiamo gestire simili situazioni in modo efficace?

Una soluzione viene dalla Terapia Breve Strategica del celebre psicoterapeuta Giorgio Nardone, fondatore insieme a Paul Watzlawick della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Breve Strategica.

Si tratta di un approccio scientifico e originale alla soluzione dei problemi umani che rompe con gli schemi dell’analisi tradizionale.
I suoi punti di forza innovativi sono racchiusi già nel nome: si tratta di una terapia

  • breve, perché permette di raggiungere risultati concreti ed immediati;
  • strategica, perché usa tecniche e strategie che agiscono nel presente.

Cosa significa “strategie che agiscono nel presente?
Potrebbe sembrare una frase ovvia, ma in realtà non lo è!

Infatti, siamo stati abituati a pensare che, per superare blocchi emotivi e psicologici, sia necessario scavare nel passato, indagare e svelare le cause all’origine di comportamenti non funzionali che ostacolano la nostra piena realizzazione personale.
Questa concezione viene totalmente rovesciata nella Terapia Breve Strategica, secondo cui è molto più utile lavorare su come il problema funziona nel presente grazie a strategie che possano creare immediatamente cambiamenti efficaci e duraturi.

Ad esempio, quante volte ci ritroviamo a rimandare una discussione delicata con un membro della nostra famiglia, con un amico o con il partner solo perché abbiamo paura delle possibili conseguenze? L’ipotesi di peggiorare la situazione o di arrivare ad una rottura definitiva ci spaventa al punto da bloccarci, così preferiamo sopportare incomprensioni e insoddisfazione in silenzio, piuttosto che affrontare ciò che non possiamo controllare.

Giorgio Nardone ritiene che questo meccanismo psicologico controproducente, definito evitamento, si possa superare rapidamente tramite la cosiddetta paura terapeutica, cioè immaginando il peggior scenario possibile che potrebbe derivare dal rimandare un’azione o una decisione, in modo da temerne le conseguenze al punto da rompere il nostro immobilismo.

Terapia Breve Stategica

 

Tornando all’esempio precedente, se pensassimo che continuare a rimandare il confronto potrebbe portare altri membri della nostra famiglia o del nostro gruppo di amici a farsi un’idea sbagliata di noi, allargando l’incomprensione anche al rapporto con loro, tale pensiero probabilmente ci spingerebbe a chiarire ogni disaccordo il più velocemente possibile. Il grande vantaggio della Terapia Breve Strategica, oltre alla rapidità con cui permette di raggiungere risultati concreti, è che aiuta ad acquisire autonomia, sviluppando la nostra capacità personale di fronteggiare e risolvere i problemi quotidiani, consentendoci così di gestirli al meglio.

Grazie agli strumenti forniti da questa metodologia possiamo acquisire rapidamente consapevolezza dei comportamenti sbagliati che ci impediscono di vivere felici, rielaborarli e trasformarli in atteggiamenti potenzianti con cui raggiungere serenità e autorealizzazione.

Ovviamente, la Terapia Breve Strategica offre strategie concrete da mettere in atto nella propria vita di tutti i giorni, per cui l’unico modo per verificarne l’efficacia è sperimentarla: vi stupirete di quanti risultati raggiungerete in breve tempo, magari proprio riguardo modi di agire che credevate immutabili o paure che non avevate mai superato prima!

Il corso Il Coraggio di Cambiare, che si terrà il 2 e 3 giugno a Rimini, è il modo migliore per approfondire questi temi direttamente con Giorgio Nardone e avvicinarsi a questo approccio terapico anche tramite esempi dalla sua esperienza diretta di psicoterapeuta.

Sei curioso di scoprire quanta energia è nascosta dentro di te? Allora clicca qui per conoscere tutti i dettagli e partecipare!

banner-coraggio di cambiare

Da oggi Cambio Vita! Come partire per un viaggio senza precedenti

Se ti svegli la mattina e ringrazi per la splendida giornata nonostante i tuoni, i fulmini e la tempesta; se quando incontri una difficoltà pensi: “Ho fiducia in me, posso gestirla”; se sei una persona di buon umore, ottimista e irrimediabilmente felice… allora quest’articolo non fa al caso tuo.

Perché qui troverai dei consigli efficaci e comprovati per cominciare a vivere una vita DAVVERO FELICE.

Iniziare è semplicissimo.

 

Ne Il Risveglio dell’Eroe con la PNL, Stephen Gilligan e Robert Dilts ci guidano in un viaggio personale, il cosiddetto “viaggio dell’eroe”, alla scoperta di noi stessi e del nostro potenziale nascosto.

Destinazione? Vivere Felici.

 

 

Cos’è il Viaggio dell’Eroe?

Il viaggio dell’eroe è molto personale e può essere vissuto in infiniti modi diversi ma c’è una costante:

la trasformazione.

In un villaggio lontano all’incirca 6.000 chilometri da dove ti trovi, ci sono dei ragazzi che compiono un rito di passaggio a contatto diretto con la natura selvaggia. Lontani da casa vivono allo stato primordiale e sperimentano situazioni di profondo disagio, dolore e smarrimento. Al ritorno da questo lungo viaggio portano in dono alla comunità se stessi trasformati in uomini adulti e consapevoli.

 

Questi sono gli Ndembu dello Zambia. Sono così diversi da noi che queste esperienze ci sembrano tutte storie inventate, un po’ come fossero miti.

E se nei miti ci fosse più VERITÀ di quanto pensiamo?

 

Il grande psicologo e studioso statunitense Joseph Campbell scoprì che tutti i racconti erano accomunati da un viaggio che l’eroe compie alla ricerca del proprio dono da offrire.

Come gli Ndembu dello Zambia, ognuno di noi compie il proprio personale viaggio.

 

Roberts Dilts e Stephen Gilligan hanno dimostrato che il vero cambiamento avviene solo al termine del percorso, dopo aver attraversato 3 grandi tappe:

 

1 – Chiamata all’azione

“Non veniamo a questo mondo per dormire. Veniamo al mondo per svegliarci e risvegliarci, e per crescere ed evolvere.”
Robert Dilts

Ogni viaggio inizia con una chiamata all’azione, un improvviso risveglio.

 

Ecco che a volte il mondo ci presenta delle circostanze che tirano fuori l’unicità della nostra forza vitale.

Prova ad ascoltare la tua chiamata. Chiediti: “Cosa risveglia in me un profondo senso di vitalità e meraviglia fuori dall’ordinario?”.

Può essere qualsiasi cosa: una gentilezza da parte di uno sconosciuto, l’estasi di fronte alla bellezza della natura, il diventare genitori, aiutare qualcuno che si trova in difficoltà.

Quando percepisci che la tua anima si gonfia di vita e di luce, rispondi: questa è la tua chiamata!

 

2 – Trova i tuoi custodi

I tuoi custodi sono quelli che ti incoraggiano nel viaggio alla ricerca di te stesso.

Nelle isole Tonga dell’oceano Pacifico, quando nasce un bambino, le donne del villaggio portano la madre e il neonato nella foresta. Racchiuse in cerchio, creano una canzone unica destinata solo a lui che accompagna il bambino dalla nascita fino alla morte, quando la comunità canta questa canzone per l’ultima volta.

 

Durante il viaggio ci troveremo a fronteggiare le nostre paure e la fiducia in noi stessi potrebbe vacillare. Per questo dobbiamo imparare come incanalare in ciò che vogliamo questa energia che, altrimenti, rischia di farci crollare.

I nostri custodi ci donano la forza per andare avanti, ci ricordano chi siamo cantandoci la nostra canzone personale.

 

3 – Il ritorno a casa

“La lotta più dura è quella che si svolge nell’intimo delle coscienze, nelle suture più delicate dei sentimenti.”
Pier Paolo Pasolini

Al compimento del tuo viaggio tornerai trasformato. Sarai in grado di rispondere alle sfide della vita e creare nuove risorse per affrontarle con successo, condividendo il tuo dono con la comunità che ti circonda.

La fine del viaggio serba incredibili sorprese e magnifiche ricompense. Ti darà una prospettiva nuova su quello che sei e che puoi fare, ti donerà la fiducia nelle tue risorse e nelle tue capacità.

Per questo è ora di mettersi in cammino.

 

Robert Dilts da tempo sostiene e accompagna le persone durante questo particolare percorso di vita.

Affrontare da soli le fasi del viaggio non è facile. Grazie al corso Il Coraggio di Cambiare potrai apprendere direttamente da Robert Dilts come compiere questo viaggio senza precedenti e trasformare la tua vita.

Sei pronto a diventare l’EROE DI TE STESSO?

4 Semplici Mosse per Mettere K.O. le Tue Paure

“Tu sei unico, e se questo non si realizza, allora qualcosa si è perso”
Martha Graham

 

Ora che siamo insieme, concentrati un momento. Se non hai tempo adesso, non ti preoccupare, torna quando avrai un attimo di quiete.

È importante che tu sia solo, libero da distrazioni, impegni o problemi. Libera la mente, leggi con calma e SII SINCERO perché c’è una domanda che riguarda la  cosa più preziosa che possiedi.

 

La domanda è questa:
quand’è stata l’ultima volta che hai pensato “AMO LA MIA VITA  INCONDIZIONATAMENTE!”?

 

La nostra vita spesso è un susseguirsi di momenti dominati dall’ansia, da insoddisfazione, fallimenti, prove insormontabili, montagne di critiche e rimpianti. Ma è davvero così che la vogliamo?

Questi sentimenti di sconforto sono normalissimi. Tutti li proviamo quotidianamente. C’è sempre qualche problema in agguato e spesso rispondiamo con l’inerzia. Trovare la voglia di lottare non è facile. E sei poi perdessimo la sfida?

 

 

1 – Basta con l’auto-sabotaggio!

 

Prova a pensare a quel giorno in cui qualcuno ti ha messo su una bicicletta e ti ha detto: “Ecco, ora pedala”. All’inizio probabilmente sei caduto e ti sei sbucciato le ginocchia, i gomiti e magari anche il mento! Ma eri piccolo, pieno di energia, felice e determinato. Oggi come sei?

Tutti noi abbiamo dei sogni nel cassetto, ma per paura di sbagliare o di sentirci inadeguati, li chiudiamo sotto chiave e quasi ce ne dimentichiamo.

Appena incontriamo un piccolo ostacolo, iniziamo a pensare di non farcela e finiamo col non portare a termine i nostri progetti e non raggiungere i nostri obiettivi. Insomma, proseguiamo a vivere nell’inerzia e nell’insoddisfazione. Per farla semplice:

 

AUTOSABOTAGGIO + PAURA = INFELICITÀ

 

Ma vogliamo capire che la Vita è Unica e Irripetibile? Cosa accadrebbe se cominciassimo a vedere il bicchiere mezzo pieno?

 

 

2 – Insegui  i fallimenti con determinazione

 

“Non ho fallito. Ho solamente provato 10.000 metodi che non hanno funzionato”
Thomas Alva Edison

 

Per essere veramente felici dobbiamo imparare a scorgere la bellezza nei luoghi più inattesi, nelle situazioni più inospitali. Per parafrasare Franco Battiato: dobbiamo imparare a trovare l’alba dentro l’imbrunire.

Quando incontriamo un ostacolo abbiamo due scelte davanti a noi: arrenderci davanti alla difficoltà oppure continuare con coraggio e pensare che sia solo una tappa necessaria alla nostra crescita, uno stimolo, uno sprone a fare sempre meglio.

Siamo SOLO NOI che decidiamo che strada percorrere.

Sapevi che prima di creare il suo impero, Walt Disney fu licenziato da una redazione giornalistica per mancanza di immaginazione e originalità?

Spesso nella nostra mente il successo e il fallimento si escludono a vicenda. Inizia a vedere i tuoi fallimenti come tappe essenziali nel cammino verso mete ambiziose.

 

 

3 – Non rimandare quello che potresti fare oggi

 

“Noi tutti dovremmo cominciare a vivere prima di diventare troppo vecchi. La paura è stupida. È così che nascono i rimpianti.”
Marilyn Monroe

 

Quando ti senti di fare una cosa, FALLA. Non aspettare.

Devi consegnare un progetto di lavoro, parlare con una persona che ti sta a cuore o sostenere un esame ma sei bloccato dalla paura di sbagliare? Tu pensa solo a dare il massimo, non sei tu a doverti giudicare.

Hai sempre timore di chiedere aiuto a qualcuno? Fatti avanti, il risultato potrebbe sorprenderti.

 

Proviamo a fare questo semplice esercizio e a ripeterlo per qualche giorno. Vedrai che non ne potrai più fare a meno!

Appena ti svegli, prendi carta e penna e fai una lista delle cose che vorresti fare durante la giornata. Porta la lista sempre con te e ogni volta che raggiungi un obiettivo, spuntalo dalla lista.

 

 

Quando ti sentirai demotivato, riguarda le cose che hai spuntato e tutti i progressi che hai fatto fino a quel momento. Sarai orgoglioso di te e ti sentirai subito più carico!

 

 

4 – Condividi il tuo cambiamento

 

“La felicità è vera solo quando è condivisa”
Christopher Mccandless

 

Senza crisi non ci sarebbe cambiamento. Non possiamo riconoscere le emozioni positive senza prima provare quelle negative.

Noi abbiamo quella meravigliosa capacità di prendere l’energia negativa e trasformarla in energia positiva, in qualcosa di bello per noi e per gli altri.

 

Ti sembra più facile dirlo che farlo?  Non ti preoccupare. Il momento di crisi è un dono che possiamo gestire. Basta avere gli strumenti giusti per farlo. Non si può scalare una montagna senza l’attrezzatura adatta.

Fortunatamente al giorno d’oggi sono stati fatti grandi passi in avanti.

È stato dimostrato che con l’aiuto di strategie derivanti dalla PNL (Programmazione Neurolinguistica), dall’Ipnosi Eriksoniana e dalla Terapia Breve Strategica possiamo AFFRONTARE IL CAMBIAMENTO CON SUCCESSO.

 

Clicca qui per conoscere Il Coraggio di Cambiare il primo corso in Italia che riunisce i massimi esperti internazionali in queste 3 discipline.

Grazie alla loro guida, avrai la possibilità di imparare a CONOSCERE TE STESSO, scoprire gli strumenti più adatti a te e vivere davvero la vita che desideri.

Cosa aspetti?